10 Marzo 2013 – Le descrizioni di Monica Dall’Olio

Questa storia inizia nel 1969. In televisione scorrono
le immagini di Carosello, ma anche della politica, della cronaca, della tragedia
di piazza Fontana. Sono i giorni in cui la piccola Mika impara il gesto della
penna puntata sulla carta: nel tentativo di comprendere quanto ha intorno dando
alle cose il nome più esatto, la bambina sente crescere l’urgenza di imparare a
scrivere. Quando saprà farlo, gli amori di sua sorella, le frasi dei genitori,
le storie dei vicini di casa e degli amici diventeranno pagine, scene di vita
che andranno a comporre un quadro nostalgico e drammatico dell’Italia agli inizi
degli anni Settanta. Partendo dall’infanzia come fase della meraviglia e della
curiosità insaziabile, Monica Dall’Olio tratteggia con delicatezza una profonda
riflessione sulla scrittura, sul linguaggio, sulla necessità di descrivere il
mondo.

Questa voce è stata pubblicata in Caffè letterario. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.